1

domosofia finale molinari pizzi

DOMODOSSOLA- 25-09-2017- Gran finale domenica sera per Domosofia, il festival delle idee e dei saperi, che ha trasformato per quattro giorni il centro storico domese in un vivace salotto letterario, ospitando scrittori, artisti, filosofi, sportivi, imprenditori, studiosi e professionisti da tutta Italia. La chiusura della manifestazione è stata affidata ça va sans dire, al direttore del quotidiano La Stampa, Maurizio Molinari, il quale dal palco,allestito in piazza Mercato ha risposto al collega giornalista Ivan Fossati sulle questioni di attualità. Uno sguardo sul mondo tra cronaca e storia, le incertezze del presente, le necessità del futuro. Vivere e sorridere come antidoto alle tensioni mondiali, nelle parole del direttore del quotidiano torinese. Leggerezza è stato infatti il leit motiv della rassegna organizzata dal comune domese insieme al quotidiano La Stampa. Anche domenica non sono mancati gli incontri con gli autori, dai  giornalisti Antonio Sgobba, Cinzia Scaffidi,alla blogger Stella Pulpo,  le conferenze con protagonisti la storica Chiara Gatti, il fashion stylist Matteo Osso, il prof. Carmelo Vigna, il codista Giovanni Cafaro, gli chef ossolani Giorgio Bartolucci, Massimo Sartoretti, Andrea Ianni, Matteo Sormani, poi lo spettacolo del circense di origine crevolese Frizzo, e il concerto d'organo di Marco D'Avola. Un programma che ha incontrato i più variegati gusti del pubblico e che nelle parole del vice sindaco Angelo Tandurella " per essere una edizione zero, abbiamo riscosso un successo che ci fa molto piacere tanto che possiamo già pensare ad un'edizione 2018 di Domosofia". 

Testo: Elisa Pozzoli

Video: Ale Velli

 

 

 

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.