1

pieve minoranza ghivarelli sala bossi

PIEVE VERGONTE- 14-11-2017-Un indennizzo per i problemi all'acquedotto da girare ai cittadini ed un'assemblea pubblica. Queste le richieste al sindaco da partedella minoranza pievese, come spiegato in un comunicato congiunto firmato da Marina Ghivarelli, Davide Sala e Marco Bossi: "Non passa mese senza che giungano lamentele dei nostri concittadini per denunciare la provenienza di acqua sporca dai rubinetti delle loro case d’abitazione- spiegano dalla minoranza pievese- non passa mese senza interruzioni del servizio idrico causa lavori, non meglio precisati, di ripristino prese, tubazioni e/o quant’altro. Il tutto avviene quasi sempre senza alcun preavviso agli utenti ormai giunti all’esasperazione. Per questo motivo, in qualità di consiglieri di minoranza, abbiamo nuovamente chiesto al sindaco di avviare tutte le procedure del caso volte a chiedere un indennizzo a chi gestisce l’acquedotto ubicato nel nostro territorio affinché i nostri concittadini vengano opportunamente risarciti dalle continue, ripetute ed interminabili difficoltà a cui sono stati sottoposti nel tempo da questa inverosimile conduzione. È inoltre nostra convinzione che risulta ormai improrogabile l’organizzazione di un’assemblea pubblica sul tema dell’approvvigionamento idrico nel nostro comune ove invitare il gestore dell’acquedotto ad illustrare i problemi attuali ed i progetti previsti volti ad una definitiva risoluzione del disagio per gli utenti. Anche su questo argomento abbiamo nuovamente sollecitato il sindaco. Chissà se almeno in questa occasione avremo risposte concrete?".

 

 

 

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.