1

unione montsana vigezzo sede

VIGEZZZO- 11-07-2018- In un comunicato

alla stampa di Gianluca Giana intitolato “L’indifferenza dell’essere….. dell’Unione Montana Valle Vigezzo” i consiglieri del Comune di Craveggia Luciano Buffa , Simone Patritti, Enrico Mozzanino e Gianluca Giana si chiedono i motivi dell'attesa per l'elezione di un nuovo presidente dell’Unione Montana Valle Vigezzo: “ Viste le dimissioni presentate e depositate questa primavera dal Sig. Barbazza Enrico e visti gli articoli di giornale pubblicati- si spiega nella missiva- sarebbe anche interessante sapere quali siano le motivazioni che lo hanno portato a tale decisione certamente inusuale a solo 1 anno dalla naturale decadenza per rinnovo delle amministrazioni.

I sottoscritti e scriventi Consiglieri del Comune di Craveggia Buffa Luciano , Patritti Simone , Mozzanino Enrico e Giana Gianluca nei mesi passati hanno inoltre depositato le seguenti richieste di chiarimenti e documentazione presso il protocollo dell’Ente Unione montana Valle Vigezzo a cui a tutt’oggi non è seguita risposta ufficiale dell’ente e del suo presidente

Bilancio ed Elenco personale della Gestione “Funivia Piana Vigezzo Srl “ per gli anni antecedenti la recente cessione alla Società “ Vigezzo & Friends “ ( 4 protocolli )

Richiesta chiarimenti sull’utilizzo del mezzo dell’Ente targa CY590ZV ( 2 protocolli in 2 mesi ma nessuna risposta )

Infine siamo tutti pronti e in trepidante attesa della Imminente inaugurazione della nuova Casa di riposo di valle viste le promesse fatte in merito alla riapertura del cantiere e ripartenza dei lavori che ad oggi dopo 6 mesi di distanza dalle promesse non solo non sono ripartiti, ma è stato anche smantellato il cantiere esistente.

Alla luce di quanto sopra , speriamo che i famosi 50 posti di lavoro promessi non facciano la fine degli anziani che soggiornavano a Craveggia, allontanati dalla Ex Casa di Riposo di Craveggia nonchè di Valle perché struttura considerata inadatta per gli ospiti autosufficienti, ma adattissima per l’accoglienza degli Immigrati in attesa di riconoscimento dello stato di profughi”.

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.