1

Vogogna castello

VOGOGNA – 14-11-2019 – Costituita nella metà

degli anni Sessanta su iniziativa del compianto Pierino Vecchietti, noto assicuratore domese, l'Associazione Amici Ossola Enogastronomica, attraverso denominazioni diverse e con adesioni che in alcuni anni hanno raggiunto il ragguardevole numero di oltre quaranta componenti, oggi è coordinata da Guido Portinaro e da Rita Gatti, rispettivamente presidente e segretaria del sodalizio, e vanta una ventina di soci attivi.

La principale attività dell'associazione, oltre ovviamente a motivare rapporti di amicizia e socialità tra i soci, è quella di promozionare i prodotti tipici e le peculiarità gastronomiche dell'Ossola, seguendo opportunamente le stagionalità, fruendo della preziosa collaborazione di numerosi ristoranti ossolani.

E, proprio in coerenza con tale impostazione, nell'incontro conviviale di mercoledì 13 novembre, tenutosi al Ristorante Vecchio Borgo di Vogogna, è stato proposto un menù totalmente a base di selvaggina locale.

Il relatore della serata, l'architetto Paolo Volorio, presidente dell'Associazione Culturale Ossola Inferiore, ha iniziato quindi la sua conferenza confermando le antiche origini di Vogogna, la cui esistenza è confermata da un'antica pergamena risalente all'anno 970.

L'importanza di Vogogna di allora era legata, in particolare, al passaggio della strada romana che metteva in comunicazione la pianura Padana con il nord Europa, opera realizzata prima dell'era cristiana.

Purtroppo, la disastrosa alluvione dell'anno 1331 del torrente Anza, ha cancellato il nucleo storico di Vogogna; a conferma dell'evento, il riscontro dell'esistenza delle antiche mura che cingevano il paese, recentemente rilevate dalle prospezioni aero fotografiche.

Vogogna viene ricostruita più a sud e cinta con nuove mura e, per la sua posizione strategica, diventa la capitale dell'Ossola Inferiore.

Nell'anno 1344 l'Arcivescovo di Milano Giovanni Visconti, fa erigere il Castello su di una struttura preesistente, in prossimità della Rocca, la cui origine di quest'ultima viene fatta risalire anteriormente al Mille; infine nell'anno 1348, sempre grazie al Visconti, viene costruito il Palazzo Pretorio.

Nell'anno 1387 vengono censiti gli Statuti di Vogogna.

Volorio ha ricordato poi il Mascherone Celtico realizzato in pietra serpentina, attualmente esposto nel Palazzo Pretorio, uno dei pochi esistenti in Europa ma di certo il meglio conservato.

A conclusione dell'intervento l'oratore ha ricordato alcuni personaggi illustri originari di Vogogna, tra cui lo scultore Oreste Porri, il pittore Antonio Baronia, Luca e Gian Battista Lossetti diplomatico il primo e generale delle milizie ossolane il secondo.

Piero Pagani

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.