1

ornavasso Palazzo Bianchetti

ORNAVASSO -15-2-2020 - Ornavasso ospiterà

un singolare “Villaggio educativo” il primo fine settimana di marzo. Sarà una “full – immersion” nel tema che Benedetto XVI ha indicato come “emergenza educativa”: al nutrito programma di incontri con esperti si affiancheranno attività laboratoriali, giochi, animazioni e letture nella Sala Affrescata del Teatro comunale, in piazza XXIV Maggio. L’iniziativa è frutto della collaborazione tra molti soggetti di natura diversa: la Parrocchia di San Nicola, il Comune di Ornavasso, l’Asilo infantile, la Biblioteca comunale e l’Istituto comprensivo del paese, l’Unione sportiva ed il Corpo Musicale Santa Cecilia di Ornavasso, cui si è aggiunto “Nati per leggere”, programma sviluppato a livello nazionale per favorire la lettura come esperienza formativa per i bambini. L’Asl del Vco, i Comuni di Vogogna e Premosello Chiovenda hanno dato il loro patrocinio. Si inizierà venerdì 6 marzo alle 20,30 con giochi e animazioni a cura dell’Oratorio “Don Ottorino”; in contemporanea, con inizio alle 20,45 all’Asilo Infantile la psicopedagogista Cinzia Morea affronterà il tema «Una famiglia da favola! Stili e modelli educativi per crescere bene e senza fretta». Sabato 7 marzo a partire dalle 10 sarà l’Unione Sportiva Ornavassese a condurre una mattinata di giochi. Alle 10,30 nella Sala Cinema Teatro Chiara Crosa Lenz, Direttrice del Servizio Tossicodipendenze dell’Asl 14, parlerà di «Una vita stupefacente o una vita da stupefacente: gli effetti delle sostanze nei processi di crescita». «Le ragioni per andare al cuore della questione educativa» è invece il titolo della relazione che Maria Monetti, psicologa e psicoterapeuta all’Ospedale Niguarda di Milano, terrà nella medesima sala alle 15, seguita alle 16,30 dall’incontro con don Giovanni Fasoli, psicologo clinico e dell’educazione, che affronterà il tema: «I social, dono di Dio? Poteva anche tenerselo. Il mondo virtuale tra occasioni e paure».  In contemporanea, a partire dalle 14,30 nella Sala Affrescata si terranno letture animate a cura di Elisa Lavarini, di “Nati per leggere” e di Sara Lo Giudice; a seguire, un laboratorio musicale a cura dei Maestri della Banda musicale di Santa Cecilia, in collaborazione con la libreria La Pagina di Villadossola. «Ci siamo trovati intorno a un tavolo – spiega il parroco di Ornavasso, don Roberto Sognicon l’intento di mettere insieme realtà diverse, di dare l’idea che in paese, ovunque ci sia una realtà educativa, ci si incontra per rifletterci sopra. Abbiamo anche proposto liberamente degli incontri preliminari ai genitori, per delineare le tematiche da presentare ai relatori. La scelta di questi ultimi è scaturita da conoscenze personali; abbiamo voluto che fossero interessate tutte le fasce d’età nel processo educativo». Il filo rosso di tutti gli incontri si desume dal testo riportato sul quartino del “Villaggio”: «… abbiamo pensato di fare rete e metterci insieme perché come adulti sentiamo il bisogno di testimoniare che la vita è una grande avventura e che è possibile raccogliere la sfida educativa». La proposta del “Villaggio” è rivolta non solo agli insegnanti, per i quali costituisce un corso valido ai fini dell’aggiornamento professionale “priorità 4.6”, ma ai genitori, a chiunque lavori per i ragazzi e ad ogni adulto che crede nell’arte di educare.       

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.