1

 corta slavina distacco neve

SEMPIONE- 10-01-2016- Iniziano ad arrivare conferme anche dalla Svizzera

su quello che è accaduto sabato in tarda mattina a Rothwald, dove sono morti, travolti da una valanga, Davide Battro, 20 anni e  Manuel Tarovo, 25 anni, entrambi di  Montescheno. I due ragazzi erano partiti in mattinata dall’Ossola insieme all’amico sopravvissuto alla valanga, Michele Grossi, 20 anni, della Noga di Villadossola. Pochi chilometri dopo avere superato il passo del Sempione hanno raggiunto la stazione sciistica di Rothwlad, hanno inforcato gli sci ed hanno preso lo skilift, una volta giunti in cima hanno messo le pelli ed hanno iniziato la marcia verso il colle Mäder Lücke,  arrestando la loro marcia circa 70 minuti dopo la partenza con le pelli, a circa 2500 metri di quota, a poche decine di metri dalla capanna  Mäder. I tre ragazzi volevano rientrare alla partenza degli impianti passando da una tracciato ben noto a tutti gli alpinisti locali, dove aveva nevicato parecchio giovedì scorso. Appena iniziata la discesa si è staccata la valanga, che sembra avesse un fronte di ben 300 metri e fosse lunga circa 200 metri. Gli altri sciatori presenti in quei luoghi hanno sentito il forte boato, e dopo qualche tempo le grida d’aiuto di Michele Grossi, riuscitosi a liberare da solo dalla neve. Sul posto sono arrivati anche alcuni escursionisti italiani, poi il soccorso alpino elvetico con i cani da ricerca, infine l’elisoccorso per il vano trasporto in ospedale. Sembra che i due giovani ossolani siano deceduti sotto la valanga per soffocamento. Le salme sono state trasportate all’obitorio di Briga, presso l’ospedale, dove è avvenuto il riconoscimento dei familiari. Michele Grossi dopo essere stato trasportato in ospedale a Visp è stato dimesso in serata.

Foto d’archivio

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.