1

corta salviamo paesaggio interconnector

DOMODOSSOLA-22-01-2016 Raccolta di firme da questa mattina davanti al municipio di Domodossola da parte del comitato “Salviamo il paesaggio Valdossola” per contrastare la realizzazione dell'opera di Terna Interconnector Svizzera Italia da 380 Kv. L'iniziativa viene svolta in contemporanea con l'incontro a Domodossola tra i sindaci ossolani e i vertici della Regione Piemonte. “ In tutto abbiamo raccolto oltre mille firme, mentre solo oggi sono una cinquantina l'iniziativa proseguirà fino alle 18. Quest'opera- ha spiegato Filippo Pirazzi- è troppo grande per una piccola valle alpina come la Valdossola già tanto deturpata in passato. Non c'è più spazio disponibile per altre infrastrutture industriali cosi impattanti sull'ambiente naturale. Un nuovo elettrodotto in altissima tensione che parte dal Passo di San Giacomo e va a Settimo Milanese, toccando 20 comuni su 38, con fili conduttori in doppia terna da 7 a 13 cavi montati su tralicci alti da 40 a 60 metri, poggianti su oltre 150 piattaforme di sostegno di almeno 81 metri quadrati ciascuno, più una centrale di conversione elettrica estesa su una superficie coltivata grande come 11 campi da pallone 115 mila metri quadrati comprometterà per sempre la vista del cielo. Noi non ce la sentiamo di lasciar fare quest'opera senza protestare. I nostri figli ce ne chiederanno merito. Saremmo degli irresponsabili, dei complici di giochi di potere che condizioneranno senza via di scampo il loro futuro, il loro benessere”. Il comitato richiede nuove soluzioni progettuali che siano rispettose delle aspettative delle popolazioni di alta montagna.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.