1

corta iacopino salvatore

DOMODOSSOLA- 29-01-2016- Dopo il consiglio comunale di giovedì sera

e la lunga discussione che è sfociata con l'aunnucio del sindaco Mariano Cattrini di soprassedere alla sistemazione della scuole Terezin in maniera che possano accogliere adegatamente alunni e personale delle Rodari l'assessore Salvatore Iacopino in un comunicato stampa fa alcuen precisazioni: “Sulla questione del paventato trasferimento delle scuole dell’infanzia Rodari dall’attuale via Rosmini alla sede di piazza Chavez si è parlato tanto e spesso a sproposito- scrive Iacopino- i fatti sono piuttosto semplici. Dopo le polemiche seguite all’ipotesi di spostamento della scuola Rodari (sulla base di una più che giustificata richiesta fatta dalla scuola all’Amministrazione comunale), l’Assessorato all’Istruzione, in accordo con la Dirigenza scolastica stessa, ha promosso una serie di incontri con i vari soggetti coinvolti. In particolare, il sottoscritto ha chiesto che sulla questione si esprimesse nuovamente e con chiarezza il Consiglio di Circolo (all’interno del quale è rappresenta anche la componente genitori, cui spetta la presidenza) ed ha annunciato la convocazione di un incontro conclusivo, da tenersi immediatamente dopo il Consiglio di Circolo. Tutto ciò avveniva la mattina del 19 gennaio, prima della presentazione di qualsivoglia Interpellanza e OdG tesi a scongiurare lo spostamento.

Quanto agli esiti, dal momento che la richiesta finale del Consiglio di Circolo, pur esprimendosi tendenzialmente a favore dello spostamento, non si limita più però a chiedere i soli lavori di adeguamento (per una spesa di circa 50 mila euro), ma subordina l’approvazione di tale spostamento al fatto che il Comune si faccia garante di un progetto di ampliamento dell’edificio in piazza Chavez (ampliamento, che evidentemente comporta oneri e progettualità ben diversi e tempi indisponibili ad un’Amministrazione che si trova alla vigilia di una tornata elettorale), l’iniziale disponibilità dell’Amministrazione a dar corso allo spostamento non poteva che venir meno ed essere differita nel tempo.

Questi sono i fatti nella loro essenzialità! Il resto sono solo chiacchiere! Chiacchiere e indecorose strumentalizzazioni politiche, come quelle rese evidenti dallo spettacolo andato in scena in Consiglio Comunale ad opera dei gruppi della minoranza di Lucio Pizzi, Daniele Folino e Lega Nord, che rivolti direttamente alla platea di cittadini presenti – sordi alle documentate precisazioni del sottoscritto, ma ansiosi di ostentare chissà quali meriti e capacità - hanno continuato a ripetere (si veda in particolare il Consigliere Galvani) una serie di sciocchezze (chiusura della scuola Rodari; perdita di posti di lavoro; volontà del Comune di trasferire; confusione tra Collegio Docenti e Consiglio di Circolo…), dimostrando di non possedere neppure l’Abc delle competenze necessarie ad affrontare tematiche specifiche come questa. Ma si sa! Ormai siamo in campagna elettorale! Non vorrai mica perdere un’occasione così ghiotta! E allora si può pure insistere per far approvare un Ordine del Giorno per non fare proprio ciò che si è già deciso di non fare”.

Per la videointervista a Salvatore Iacopino clicca qui

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.