1

grillo m5s pinocchio

Hei raga, non fai i tempo a prenderti una settimana di relax settembrino che subito ti tocca o rotolarti dal ridere o incazzarti a seconda del tuo colore politico.

Il primo ad aprire un fuoco di fila contro il Governo, che già sta in piedi per una scommessa, è stato il Presidente della camera, grillino con strabismo a sinistra, ex rifondarolo, il quale, pensando di essere un ultras da curva calcistica, si è profuso in una requisitoria contro il Ministro dell'Interno inanellando una serie di figure barbine, accusandolo in merito alla questione migranti di ogni genere di colpa, mancava solo che gli caricasse anche la responsabilità delle Guerre Puniche e poi avremmo visto tutto.

Oddio è vero che da parecchi anni ormai la terza carica dello stato è stata assegnata a dei disperati, grazie a Dio tutti poi spariti nel nulla, ma adesso abbiamo proprio toccato il fondo, con un giovane barbuto senza ne arte ne parte, che in fatto di istituzioni ne capisce tanto quanto il sottoscritto in tema di fisica quantistica.

Non bastasse in appoggio alle sue tesi fantozziane si è subito aggiunto udite udite, il Dibba, ex astro nascente del movimento grillino, attualmente in movimento in America centrale, il quale da cittadino pentastellato, in attesa di rientro nell'agone politico, ha pensato bene anche lui di attaccare la Lega in merito ai 49 milioni dell' Affaire Belsito-Bossi, facendo un tifo da curva per i Magistrati genovesi ed ergendosi a paladino degli onesti viventi.

Anche costui è poco più che un disperato dell'esistenza, che mi piacerebbe sapere dove era quando lo stesso problema riguardò caso strano la Margherita ed il suo tesoriere Lusi.

Ah già dimenticavo, la legge è uguale per tutti, ma per alcuni è un po' più uguale.

E veniamo al dunque, le uscite estemporanee, di queste due nullità ambulanti, hanno una sola spiegazione: nei grillini sta sorgendo un grosso problema, e cioè che la loro base, soprattutto quella giovanile, piaccia o meno a Travaglio e compagnia cantante, comincia purtroppo per loro pur tiepidamente a parteggiare per la Lega, e ciò ha innervosito e non poco la restante parte trinariciuta che ha sempre anelato a fidanzarsi con i Piddini o con quel bazame che di loro resta.

Non a caso avrete notato come ultimamente Europa, giornaloni, poteri forti, Vaticano, radical chic di complemento si siano sbattuti nel tentativo di dare una spallata al Governo giallo-verde.

Oddio usare due mentecatti come killers, mi è apparso un tentativo fracchiano, ma le partite si fanno con i giocatori che hai, e qui non hai a disposizione il Real Madrid ma il Cernusco sul Naviglio.

Per di più tutto ciò ha riavvicinato la Lega a Berlusconi e come primo atto ci sarà credo la nomina di Foa alla presidenza della Rai.

Ah dimenticavo... per non farci mancare nulla ci si mette anche l'Onu, congrega di senza frontiere, che avrebbe deciso di mandare una Commissione ad indagare sui diritti umani qui in Italia.

Peccato che detta organizzazione annoveri tra le sue fila gente che in tema di diritti umani farebbe impallidire anche i nazisti di antica memoria, vuoi mettere un meeting con Iran, Venezuela, Arabia Saudita , Yemen, Corea del Nord etc.

Trump potrà piacere o meno, ma gli Americani hanno smesso di cacciare grana a quella greppia di nulla facenti, un carrozzone inutile, con corrotti i cui scandali fanno apparire anche il Vaticano odierno, e ho detto tutto, una congrega di educande.

Dimenticavo, avviso ai naviganti, i migranti della Diciotti sono persone intelligenti ed avvedute, non a caso la metà di loro è già arrivata a Ventimiglia, trasportata da una Ong romana, e te pareva, hanno capito che qui non è aria.

Ad Maiora.

 

Max Polli - 13 settembre 2018

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.