1

App Store Play Store Huawei Store

corta gallo dito ok bernardino

DOMODOSSOLA- 05-05-2015- Vanni, Lux, Comaita, Monti, Cattrini e Delbarba. Potrebbe

essere questa la squadra ossolana chiamata a riformare il progetto di medicina territoriale richiesto dalla Regione, un tavolo a cui avrebbe voluto essere chiamato a portare il suo contributo Bernardino Gallo, già direttore a lungo di quella che era la Asl 56, e che si è risentito per la poca considerazione: “Ieri- spiega Gallo, presidente di Sos Ossola- si è svolta una riunione di sindaci ossolani per scegliere i rappresentanti per la medicina territoriale. Alla faccia della trasparenza, la riunione non era aperta al pubblico e non vi è stato alcun comunicato ufficiale sull'esito, ma solo notizie filtrate dai giornali. Ribadisco il nostro pensiero di Sos Ossola: " Riteniamo un gravissimo errore tecnico e politico ragionare di medicina territoriale senza stabilire come siano organizzati gli ospedali e dove sia cancellato un dea in uno dei due ospedali per lasciarlo nell'altro". Noi pensiamo che questo comportamenti sia un "calarsi le braghe" e favorisca il disegno di fregare il Dea al San Biagio nonostante che l'Ossola sia la Cenerentola, che ha solo poco più del 15% dei posti letto pur avendo il 40 % della popolazione venendo penalizzata sempre di più nella sanità come in altri campi alla faccia della difesa della montagna. Parlare del territorio è solo il cavallo di Troia per espugnare l'Osssola, la "Periferia dell'Impero". Parrebbe siano stati nominati una 'squadra' di tecnici esperti con il dottor Vanni, medico domese già primario ed ex consigliere comunale, il sig. Lux, direttore della Rsa di Premosello, e il dottor Comaita. Tutti miei amici, credo. I primi due sono gli (o tra) gli estensori del piano territoriale ossolano presentato a Chiamparino e definito o considerato un "compitino", parrebbe dal presidente. Il documento presentato ha il pregio di far sempre riferimento all'ospedale San Biagio con il DEA, affronta problematiche importanti ma in gran parte legate all'esperienza di Premosello, ha consapevolezza dell'esigenza di una impostazione finalizzata ad avvicinare l'offerta sanitaria ai cittadini sul territorio, ma non quella necessaria davvero ad impedire l'ingolfamento di ospedali e DEA, un'organizzazione vicina o nei pressi dell'ospedale, composta sia dei medici di famiglia che dei pediatri, simile al country pediatrico del San Biagio che nel 2.014 ha curato e drenato ben 6.000 utenti tra donne e bambini che non sono andati ad ingolfare il Dea. Mi spiace fare queste critiche ma il mio parere sui tecnici è chiaro da tempo, soprattutto relativo ai medici e non solo. Hanno, quasi sempre per professione, una visione solo verticale dei problemi e mi dispiace che il sindaco Monti non abbia nemmeno risposto alla mia offerta di dare un contributo, considerato che sui distretti in Ossola, poi quasu smantellati, diedi un grande contributo per la modifica del piano sanitario regionale per adeguare i servizi alle esigenze del territorio. Avete mai visto un piano sanitario regionale redatto da un medico? Ci sarà un motivo. Del resto la mia visione anche tecnica consentì all'Ossola di poter realizzare una pluralità di servizi anche nell'ospedale oltre che sul territorio. Rammento che per necessità, oltre ad avere una visione Politica, ho maturata una grande esperienza tecnica che mi ha consentito di dare un contributo decisivo per far arrivare l'Emodinamica a Domodossola e dare elementi determinanti per il documento sul Dea a Domodossola, approvato dalla rappresentanza dei sindaci.Nonostante che questa esperienza è stata profusa continuamente al sindaco Cattrini, prendo atto che non gli è passata nemmeno per l'anticamera del cervello di tenerne conto. Oppure è passata? Forse si, ma sopravviverò, purtroppo”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.