1

cristina mirella

ROMA - 11-02-2019 - A che punto sono gli interventi sulla statale 337? La progettazione definitiva attesa per la fine 2018 non è ancora arrivata e intanto il tempo corre. La deputata azzurra Mirella Cristina ne chiede ragione al ministro per le Infrastrutture Danilo Toninelli in una interrogazione appena depositata. "Considerata la più che condivisibile preoccupazione espressa nella loro lettera ai vertici regionali dell'Anas dai sindaci dell'Unione montana della Valle Vigezzo, ho ritenuto più che mai urgente presentare un'interrogazione al ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli sullo stato dell'iter relativo agli interventi di messa in sicurezza della statale 337 - afferma la parlamentare - .
E' più che evidente che si stanno registrando lungaggini inaccettabili e che l'accordo preso con l'Anas di arrivare alla progettazione definitiva entro la fine del 2018 è stato del tutto disatteso. E' ora che il governo intervenga, se ne ha intenzione, per sbloccare la situazione e più in generale che spieghi cosa intende fare per le strade di montagna e come velocizzare le procedure per gli interventi di messa in sicurezza idrogeologica del territorio".

Ricordando la frana che lo scorso 4 marzo uccise due turisti svizzeri e tutti i disagi alla viabilità determinati dalla chiusura fino al maggio dell'arteria internazionale, Mirella Cristina fa presente a Toninelli "che per la SS 337 sono stanziati dal 2014 ben 70 milioni di euro per interventi di messa in sicurezza dei versanti e più in generale di adeguamento dell’arteria; ma che per ammissione dei rappresentanti di Anas, questi anni sono serviti solamente per 'lavoro preparatorio' e che nella migliore delle ipotesi i cantieri  potranno essere aperti nel 2020". Tuttavia l'accordo con Anas prevedeva il completamento della progettazione definitiva entro il 2018, accordo che "è stato disatteso, come rilevato anche con preoccupazione dai sindaci dell'Unione montana della Valle Vigezzo, e che al momento la stessa Anas non fornisce informazioni circa lo stato dell'iter". Da qui la richiesta al ministro di conoscere il reale stato dell'iter di messa in sicurezza della 337; e se il Governo intenda velocizzare l'avvio di lavori - anche sollecitando Anas - legati alla sicurezza di tutti coloro che percorrono l'arteria quotidianamente. Infine una richiesta che riguarda tutti i residenti in montagna: "Quali sono i piani del Governo, e con quali risorse sono eventualmente finanziati lavori per la messa in sicurezza delle strade di montagna".

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.