1

App Store Play Store Huawei Store

corta consiglio villa senza bartolucci

VILLADOSSOLA- 19-06-2015- Si è dichiarato insoddisfatto il consigliere Bruno Toscani

della risposta alla sua interpellanza sull'area dell'Ex carburo durante il consiglio svoltosi giovedì sera. Assente il sindaco Marzio Bartolucci è stato Marcello Perugini a presiedere i lavori. Toscani ha accusato la giunta di non avere idee su quell'area, ricordando come la società Genzianella si sia offerta di gestirla, ed nell'interpellanza aveva ricordato che nel dicembre 2012 il consiglio comunale ha deliberato l’acquisizione delle aree di proprietà Syndial con una convenzione che per la voltura di tale area impegna la società Sindial a rimborsare al comune di Villadossola gli oneri economici per la manutenzione del verde, delle utenze e per i monitoraggi che da una valutazione dei costi annuali precedenti veniva stimata attorno ai 60000 euro annui, che potrebbero comunque aumentare visto la volontà del comune di usufruire l’area anche come parco, percorsi vita e quant’altro a circa 90000 euro dovendo di conseguenza aumentare la manutenzione del verde. La Società Syndial si è impegnata a rimborsare al comune 130000 euro all’anno per un periodo di 10 anni per gli oneri di monitoraggio e di gestione ordinaria dell’area e a rimborsare anticipatamente una somma di 150000 euro per la sistemazione dell’area. La stipula di questo accordo con Syndial chiude finalmente in modo positivo un percorso di recupero e bonifica dell’area ex carburo iniziato moltissimi anni fa e che ha visto passare diverse amministrazioni impegnate per lo stesso scopo. Ora si apre la seconda fase che deve portare l’area a diventare un punto di riferimento e interesse per i cittadini: “Cosa è stato fatto finora – chiede Toscani-quali sono i progetti per quest’area? Non esiste un progetto che possa far diventare l’area un punto di ritrovo sportivo un’area per le famiglie un ritrovo per i giovani, ma soprattutto non vedo da parte dell’amministrazione quell’entusiasmo che ci vorrebbe per far decollare una zona così interessante. Chi invece mi sembra abbia le idee chiare su cosa possa e debba diventare l’ex area carburo sicuramente è Daniele Frattini presidente della società Genzianelle che tramite l’assessore Piolanti ha proposto una bozza di una nuova convenzione, una proposta dove le risorse versate per la gestione del verde vengono reinvestite in strutture e miglioramenti dell’area,anche perché il lavoro già fatto gratuitamente dalla Genzianella è li da vedere e come minimo un riconoscimento verso la società è più che doveroso”.La risposte all'interpellanza di Toscani, è stata articolata in tre parti, quella gestionale fatta dall'assessore Piolanti, e quella contabile e ambientale fatta da Carlo Squizzi: “La scelta della Giunta comunale di avviare una fase sperimentale sull’utilizzo dell’area “ex carburo” si sta rilevando positiva- ha detto Squizzi- rimane pur sempre una discarica bonificata, dove viste le modalità di recupero risultano incompatibili interventi infrastrutturali, lo svolgimento di attività fisico-sportiva, quale il jogging o la pratica della mountain bike, è sembrata una valida soluzione d’impiego, visto l’aumento di coloro che praticano costantemente attività fisica ad ogni livello e la crescente domanda di spazi protetti e sicuri, lontani dal traffico veicolare, per svolgere tale attività. Da non trascurare inoltre il valore simbolico che assume l’iniziativa, ovvero ridare alla collettività uno spazio sottratto al degrado industriale del passato che ha pesantemente condizionato il nostro territorio di fondo valle. La fortuna di avere sul territorio due società sportive, disponibili a raccogliere la sfida, quali il Genzianella ed il Team Ciclope ha favorito l’avvio di questo progetto sperimentale. Alle due società è stato concessa l’area, di circa 148.000 mq., in comodato d’uso gratuito ad esclusivo utilizzo sportivo fino al 31.12.2016. L’atto è stato firmato in data 3.6.2014 Le società hanno profuso un impegno ed una passione che ad oggi è andata ben aldilà delle nostre aspettative e che ci ha positivamente sorpreso, e per questo le ringraziamo. Sia Genzianella che Ciclope hanno materializzato differenti percorsi per la pratica dei due sport, differenziando addirittura i percorsi secondo il grado di difficoltà e fatica. Soprattutto Genzianella si è prodigata nella cura del taglio dell’erba e della pulizia dell’area che probabilmente ci consentirà in un risparmio nella gestione del verde pubblico. Questo elemento imprevisto ci ha spinti a dichiarare nuovi intenti, materializzati dalla disponibilità del Genzianella di impegnarsi in parziali aperture dell’area a coloro che vogliono svolgere attività agonistica, ad organizzare un piccolo evento sportivo al fine di testare le caratteristiche dell’area (che dovrebbe avvenire il 12 settembre), sempre nell’ottica di questa fase sperimentale.

Il comune da parte sua si è impegnato, a fronte del risparmio possibile con le minori opere di manutenzione, ad investire sull’area dotandola di una infrastrutturazione leggera compatibile con le caratteristiche areali. A tal proposito il Comune ha redatto un progetto e partecipato ad un bando regionale che finanzia “contributi per interventi di impiantistica sportiva in territori montani con particolare riferimento agli sport praticabili all'aria aperta e alla pluriattivita'”, bando di cui stiamo ancora attendendo l’esito. Alla luce di quanto sopra, in questa fase, è nostro impegno intensificare il confronto con le due società “comodatarie”, al fine di acquisire ulteriore consapevolezza di quanto fatto fino ad ora e di individuare nuove linee dove proseguire nella sperimentazione affinché ci dia importanti indicazioni. Non dimentichiamo inoltre che se, come auspicato da più parti, entro il 2017 si concretizzasse l’apertura dell’itinerario ciclabile che lambisce l’area del carburo (da realizzare con i fondi del Piano Integrato che da poco vede stazione appaltante la Comunità Montana delle Valli dell’Ossola), avrebbe concretezza il tanto sospirato percorso della rete Bicitalia, percorso n. 15 Svizzera Mare, che contribuirebbe ad aumentare l’attenzione verso la nostra “Collina dello Sport” , che potrebbe diventare anche naturale collegamento dell’itinerario ciclabile con la città di Villadossola”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.