1

App Store Play Store Huawei Store

corta bolognini cattrini

DOMODOSSOLA- 02-08-2015- Il capogruppo del Pd al consiglio comunale domese,

e rappresentate del capoluogo ossolano all'interno dell'unione dei Comuni Valli Ossola Davide Bolognini interviene dopo l'ultimo consiglio del Ciss ossola nel quale alcuni comuni hanno annunciato la fuoriuscita dalla fine dell'anno auspicando una gestione dei servizi fatti ora dal Ciss alla stessa Unione dei comuni, ed a cascata alle altre più piccole: “Se da un lato si può essere soddisfatti di questo risultato, che è stato frutto anche della presa di posizione del comune di Domodossola (che tenacemente ha deciso di non cedere a pressioni varie di alcuni amministratori), dall'altro occorre sottolineare che questo bilancio prevede, se non ricordo male, circa 350 mila euro in meno che si tradurranno nel taglio di servizi in questi ultimi 5 mesi dell'anno.Mi aspettavo che vi fosse un minimo di approfondimento sulla questione, con richieste di dettagli sugli intendimenti del cda circa i servizi che si intende ridimensionare (o eliminare del tutto?), invece niente, nemmeno un commento... Spesso ho la sensazione che chi siede lì non conosca, se non in modo superficiale, i servizi svolti dal Ciss, ma forse è solo una mia sensazione... Sul futuro del Ciss i comuni di Ornavasso e di Premosello hanno posto un'ipoteca pesante dichiarando che hanno già deliberato per l'uscita dal consorzio dal 1° gennaio 2016, fatta salva la nascita di un altro soggetto che preveda la possibilità di differenziare le quote comunali almeno in 2 scaglioni, a seconda dei servizi delegati. In ogni caso questi due comuni sono tra i più fermi nel ritenere conclusa l'esperienza del Ciss così come l'abbiamo conosciuto finora. Dopo un minimo di dibattitto che ha visto, secondo il mio parere, interventi di un certo interesse (oltre a quello di Liliana Graziobelli, cito anche quelli di Ferroni e di Cottini), l'assemblea ha deciso di costituire un gruppo di lavoro, composto da 2 rappresentanti per ogni Unione e qualche rappresentante tra i comuni che non aderiscono a Unioni riconosciute, che avrà il compito di vagliare una soluzione la più condivisa possibile. A mio avviso, il modo migliore per garantire continuità e qualità dei servizi nel prossimo futuro è quella di prorogare la gestione Ciss. Tutto questo almeno fin tanto che qualcuno non ci spieghi come intende effettuare il "passaggio di consegne" all'Unione dei Comuni. Lo scenario che alcuni caldeggiano è il passaggio dei servizi in capo all'Unione più grande, con le altre Unioni che si convenzionano. Poichè questo scenario prevede dei passaggi molto complicati (presa in carico di personale, passaggi nei vari consigli comunali, ecc.) che richiedono molto tempo, cosa succederà nel frattempo che si mette in piedi tutta questa struttura? Personalmente ( da riformista vero...) Come ho ribadito in maggioranza l'altra sera l'Unione è forse la soluzione peggiore anche dal punto di vista democratico. Poco rispettosa della filosofia della legge Del Rio che tende ad ampliare gli ambiti non a diminuirli. La proroga serve ora perché ci vuole tempo per i diversi passaggi. La soluzione migliore è pensare ad un Ciss di ambito provinciale. Questo si farebbe economia di scala. Come è stato fatto in Lombardia. Ma ci vuole tempo. A questo serve una proroga. Anche a tranquillizzare gli utenti e i lavoratori.  Comunque sono passaggi lunghi, e richiedono tempo. La proroga è solo buon senso, visti i tempi lunghi. Già oggi ogni tre per due ci sono comuni che chiedono di spacchettare i servizi, col rischio concreto di vedere affondare quel principio di solidarietà e di mutua assistenza tra comuni grandi e piccoli, figuratevi il giorno in cui dovesse essere ridiscusso il tema della partecipazione alle spese per i vari servizi”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.