1

App Store Play Store Huawei Store

Cannot find bagni_craveggia subfolder inside /var/www/ossola24/images/articles/bagni_craveggia/ folder.
Admiror Gallery: 5.2.0
Server OS:Apache/2.4.46
Client OS:Unknown
PHP:7.4.16

corta bagni craveggia vasche

CRAVEGGIA- 03-08-2015- Inaugurazione domenica scorsa dei Bagni di Craveggia ed apertura dell’Itinerario di acqua e di pace, nell’ambito del programma di cooperazione transfrontaliera tra Svizzera e Italia. La suggestiva enclave italiana in territorio svizzero che fu teatro di importanti avvenimenti storici legati alla Resistenza partigiana e al contrabbando, e che vanta una fonte termale le cui acque hanno proprietà benefiche e sgorgano ad una temperatura costante di circa 28°, ha ora due vasche e di un lavandino in granito, completati da due vasche più grandi, l’una riempita con acqua calda di sorgente, l’altra riempita con acqua fredda del vicino fiume, a creare un percorso “kneipp” per il benessere. Oltre a ciò, il vecchio Oratorio è stato ristrutturato e rimesso in sicurezza, ricavandone pure un semplice bivacco per camminatori, e sono stati realizzati uno spogliatoio completo di servizi igienici e un’area di svago con tavolo e grill. Sulla cerimonia inaugurale interviene il segretario ossolano della Lega Nord Carlo Valentini: “Tutto bene per l'inaugurazione dei Bagni di Craveggia- spiega- erano presenti le autorità svizzere, dal delegato Cantonale per i rapporti transfrontalieri e internazionali, Francesco Quattrini, al sindaco della Valle Onsernone Gemma Mordasini, allo storico e moderatore dell'incontro Vasco Gamboni. Presenti alcuni sindaci della Valle Vigezzo, Giovanola, Cottini, Ferraris. Le uniche defezioni alla cerimonia erano la figura del Presidente della provincia Vco Stefano Costa e il parlamentare locale Enrico Borghi. A già, c'era da percorrere la mitica 337 fino allo scandaloso confine, probabilmente ritroveremo il presidente e il parlamentare solo quando ci sarà da tagliare il nastro della sistemata arteria internazionale, forse e dico solo forse, saliranno a vedere i rinnovati Bagni di Craveggia”. Il progetto interreg intitolato Frontiera di acqua e di pace, sotto la direzione del Canton Ticino e dei due capifila Comune di Onsernone e Provincia del Verbano-Cusio-Ossola, ha coinvolto anche i Comuni di Craveggia e di Cannobio, il Patriziato e gli Amici di Comologno, le Unioni Montane della Valle Vigezzo e del Lago Maggiore, e l’Ente regionale per lo Sviluppo del Locarnese.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.