1

App Store Play Store Huawei Store

corta calcio masera

MASERA- 29-09-2015- È stata una vittoria frutto di caparbietà e determinazione,

quella ottenuta per 2 a 1 sul campo di Druogno dalle ragazze di Tortora, nella seconda giornata del campionato di serie D femminile. Le ossolane si sono scontrate contro una formazione che ha mostrato grandi progressi rispetto alla passata stagione e che ha fatto della fisicità il fattore principale in campo: diversi gli scontri di gioco duri durante i novanta minuti, con le nostre che non si sono tirate indietro e hanno saputo trovare nel finale la chiave giusta per portarsi a casa i tre punti, che danno ulteriore convinzione in vista del delicato match di domenica prossima in casa dell'Asti, una delle candidate alla vittoria finale. La partita inizia in salita per il Masera, che fatica a trovare le solite trame di gioco, con le avversarie brave a chiudersi e a cercare di rendersi insidiose con le ripartenze. Al 20' arriva però l'azione che sblocca il risultato: è come al solito Martina Cerini a liberarsi in profondità sulla destra e a far partire quello che inizialmente sembra un cross ma che in realtà si rivela un tiro imparabile che scavalca il portiere avversario. Sembra che il vantaggio possa facilitare il compito delle ragazze di Tortora, ma alla mezz'ora arriva il pareggio: il disimpegno di Capristo verso Piolini è intercettato da una centrocampista avversaria che rilancia in profondità, sulla palla sembra in vantaggio capitan Antonietti, che però ha un'indecisione fatale che il numero nove del Rosta è lesta a sfruttare. Destro ad incrociare imprendibile per Battro e parità. Il quarto d'ora prima dell'intervallo è caratterizzato dal brutto gioco, con una serie di interventi al limite del regolamento lasciati correre dall'arbitro, che contribuiscono a creare un clima di forte nervosismo tra le ragazze in campo. Il primo tempo si chiude così sul risultato di 1 a 1. Nella ripresa ancora lo stesso copione: le maseresi non riescono a trovare la via del goal nonostante alcune buone giocate individuali, e più il tempo passa e più sembra che le torinesi riescano a portare a casa il pareggio. Nel finale i calci piazzati diventano la miglior arma delle ossolane e proprio da uno di questi al minuto 85 arriva la rete del nuovo e definitivo vantaggio: la punizione è da posizione leggermente defilata sulla destra al limite dell'area e sul pallone si presenta la mancina Capristo, la cui precisa conclusione finisce per scavalcare il portiere avversario per la gioia di compagne e tifosi. Gli ultimi tentativi del Rosta sono ben controllati dalla formazione di casa. Il finale dice così 2 a 1 per il Masera, che ha saputo portare a casa i tre punti con una prova di forza non indifferente in un pomeriggio decisamente complicato. La prossima partita si disputerà domenica ad Asti: trasferta difficile per le nostre visto che la formazione avversaria viene dalla serie C a cui ambisce ritornare. In casa Masera si spera in un'altra prestazione di carattere per continuare la striscia positiva con cui è iniziato questo 2015/2016.