1

App Store Play Store Huawei Store

corta preioni lega

DOMODOSSOLA- 27-10-2015- Il sindaco di Seppiana Alberto Preioni

al termine della riunione tra i sindaci ossolani di lunedì sera si lascia andare ad alcune riflessioni critiche nei confronti del modi con cui la Regione sta trattando la questione sanitaria, e scettica sull'esito dell'annuncio di voler costruire un nuovo ospedale unico. “Finito la riunione dei sindaci ossolani- spiega Preioni- sono sempre più convinto che la storia dell'ospedale unico sia un bluff elettorale del PD per sfangare in qualche modo le elezioni ormai prossime di Domodossola. Una regione che non ci riconosce neppure i canoni idrici, dove trova i 140 milioni di euro? Chi sono i privati che intervengono? Chi si compra il san Biagio e il Castelli? Oltretutto il governo Renzi in legge di stabilita' ha previsto nuovi tagli alla sanita' provocando le dimissioni di Chiamparino dalla conferenza delle regioni. Insomma il quadro e' grigio. Gli interlocutori regionali sono gli stessi che ci dissero di decidere in 5 giorni e poi in 12 mesi sulla dislocazione del Dea per poi cambiare idea innumerevoli volte e lo faranno ancora. Insomma non sono credibili. Nelle prossime settimane ne vedremo ancora delle belle riunioni prese di posizione ecc. ecc. sul nulla. Comunque a scanso di equivoci ma se da leghistaccio mi stessi sbagliando ma non penso proprio. L unica ubicazione possibile e "veloce" in quanto gia provvista di progetto (da aggiornare naturalmente) e aree svincolate e a disposizione e' Piedimulera se non si vuole perde tempo e soldi pubblici gia spesi. Ricordiamoci pure a parte la regione Piemonte ma comunque siamo in Italia e sappiamo come funzionano le opere pubbliche e i tempi biblici di realizzazione, scordiamoci pure i 4 anni sbandierati da Reschigna Saitta e Chiamparino a modi proclami renziani tanto di moda adesso. A pensar male si fa peccato ma molto spesso ci si azzecca!”

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.