1

App Store Play Store Huawei Store

corta consiglio domo

DOMODOSSOLA- 19-11-2015- Una perizia comparativa tra il sito di Piedimulera e quello di Ornavasso

fatta da tecnici indipendenti. Questa una delle richieste del consigliere comunale di Domo Lucio Pizzi, che questa sera verrà portata nel consiglio comunale indetto proprio su sua richiesta per parlare del nuovo ospedale, che vuole tra Domo e Villa: “Dopo che sia i partiti di sinistra che quelli di destra ci hanno promesso per anni di mantenere gli ospedali di Domodossola e di Verbania senza toccare nulla- scrive Lucio Pizzi- dopo che alcuni politici sono riusciti a fare mirabolanti carriere accedendo così a lauti stipendi regionali di migliaia di euro al mese (vero Aldo Reschigna?) promettendo la tutela del San Biagio contro l'ospedale unico di Piedimulera; dopo che le urla di tutti i comitati sorti a difesa del san Biagio sono salite alte e forti per tutelare la sanità ossolana; dopo tutto questo il risultato consiste nella proposta di progettare l'Ospedale Unico ad Ornavasso e chiudere il San Biagio? Abbiamo capito bene? Passando dalle riunioni segrete a quelle chiuse al pubblico e ai giornalisti – dirette a bacchetta da Enrico Borghi - forse questo potrebbe anche succedere... Ma certamente non si può tacere un secondo di più sulla pochezza intellettuale e politica di chi ci sta governando. Certamente non staremo zitti perchè il sindaco di Verbania ha detto che l'Ospedale non si può fare più in giù di Ornavasso. E certamente non ci faranno stare zitti con il ricatto scontato: "se gli ossolani parlano allora non si fa più niente". Questi sono gli argomenti dei politici poco seri e ancor più dei codardi: e i veri ossolani, quelli che non vendono il loro territorio, non lo sono. Invece noi parliamo e possiamo parlare perchè alle elezioni provinciali del 2004, mentre gli attuali componenti della maggioranza del Pd facevano la campagna elettorale per il loro candidato Ravaioli contro l'Ospedale unico a Piedimulera noi eravamo tra i quattro gatti in tutta Domodossola a cercare di far vincere la ragione, il buon senso nonchè la competenza medica del Dott. Guarducci. Ravaioli conquistò la sua poltrona e oggi Cattrini e il Pd chiudono il San Biagio proponendo l'ospedale unico ad Ornavasso...incredibili...! Quindi noi oggi parliamo eccome! E non vengano a dirci che da allora le condizioni sono cambiate e quindi oggi va bene l'Ospedale unico addirittura ad Ornavasso. Sì qualcosa è cambiato da allora e cioè che grazie soprattutto al Pd i fondi destinati alla realizzazione dell'ospedale unico del Vco sono andati a Novara dove è stata realizzata la Città della Salute: per questo noi diciamo oggi che il nuovo Ospedale unico, semmai si farà, deve essere inserito nel sistema sanitario della Regione Piemonte e non solo nel contesto del Vco. Nel sistema Piemontese è già previsto un Ospedale per le zone di pianura ed è proprio la Città della Salute di Novara. Adesso la sanità piemontese necessita di strutture sanitarie a copertura delle zone montane e quindi l'asse da valorizzare non è quello tra Verbania e Ornavasso, bensì quello tra Formazza e Piedimulera: non si può andare oltre ed i sindaci ossolani non devono accettare il ricatto, tanto più se mettiamo sul piatto che a Verbania la sanità privata è già presente e ben finanziata dalla Regione con l'Eremo di Miazzina ed il Centro Auxologico. Per questo motivo ho presentato un ordine del giorno affinchè la Città di Domodossola non rimanga spettatore catatonico pronto ad eseguire tutti gli ordini degli amministratori di altre zone, come attualmente sta facendo il Sindaco Cattrini: sveglia Sindaco, non è perchè tu dormi che puoi pensare di addormentare tutta la città!!!

Bisogna rilanciare il ruolo di Domodossola come capoluogo dell'Ossola e come migliore realtà adatta ad ospitare adeguatamente - avendo più servizi logistici e maggiore tessuto socio economico – l'Ospedale unico nella piana tra Domodossola e Villadossola. Chiediamo una procedura comparativa (fatta da esperti non influenzabili) tra il terreno domese e quello individuato ad Ornavasso sperando che finalmente la scelta non sia politica e lasciata in mano ai quattro politicanti da strapazzo che nella migliore delle ipotesi hanno pensato solo alle loro carriere facendo ritardare l'ospedale unico di tredici anni: che finalmente possano trionfare il buon senso e la competenza tecnica. A chi ci impone di stare zitti con la minaccia di fermare tutto, diciamo subito forte e chiaro che Domodossola non ha solo il diritto ma ha soprattutto il dovere di parlare, poichè i grandi ospedali si costruiscono nei centri che hanno le stazioni, gli alberghi, le strutture logistiche adeguati ad accoglierli e non nei luoghi dove la politica ha tracciato una "X" sulla cartina geografica solo per assecondare fini diversi. Ospedale unico? ne' a destra ne' a sinistra: a Domodossola!”

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.