1

App Store Play Store Huawei Store

corta preioni lega

DOMODOSSOLA- 19-11-2015- Tra gli otto sindaci ossolani che martedì sera alla rappresentanza dei sindaci del Vco, riuniti per la scelta di dove collocare il nuovo ospedale, si sono alzati ed hanno abbandonato l'aula al momento del voto, c'era anche Alberto Preioni, che in un comunicato stampa spiega le sue motivazioni: “Ieri sera- spiega Alberto Preioni, il sindaco di Seppiana- ho abbandonato l'aula al momento del voto insieme ad altri sindaci perchè la chimera del nuovo ospedale ad Ornavasso è una bufala elettorale del Pd, perchè sono stufo degli ultimatum di questa Regione matrigna e interlocutrice non credibile, stante il pregresso, perchè non credo che in Italia si possa avere un ospedale funzionale in soli quattro anni, perché non ho avuto garanzie sulla sorte del san Biagio, che da protocollo verrà venduto, ulteriore botta all'economia domese, perché non e' chiaro dove e chi siano gli investitori privati, perché non c'è ancora l'okay tecnico all'area di Ornavasso, perché nutro forti dubbi su quell'area in montagna, con strada, sbancamenti ecc da realizzare, perché non ci sono delle motivazioni tecniche valide per aver bocciato Piedimulera, area già pronta e svincolata dove sono già stati spesi soldi pubblici, già urbanizzata e servita da strada, dove c'è già un progetto da aggiornare e dove volendo in futuro si può ampliare il plesso, perché non c'è nessuna garanzia per gli ospedali esistenti e per i due Dea e Roma volendo potrebbe anche privarcene. Questi i miei perché, io credo fortemente in un serio ospedale unico ma non credo a questa Regione e non credo a questo vuoto cosmico di "progetto". Purtroppo ne vedremo ancora delle belle...”

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.