1

App Store Play Store Huawei Store

corta bolognini

DOMODOSSOLA- 25-11-2015- Criticare il protocollo fatto con la Regione per prendere i voti, vincere le elezioni, ma poi mantenerlo. Sarebbe questa, per Davide Bolognini, il capogruppo del Pd nel consiglio comunale domese, la strategia del centro destra per la prossima tornata elettorale. Bolognini a testa alta rivendica il ruolo “politico” svolto dal suo partito in questa occasione, con un'azione che ha prodotto una cosa positiva per il territorio fatta a costo di perdere consensi: “A vergognarsi dovrebbe essere il consigliere Pizzi che usa le istituzioni per una campagna elettorale personale. Dovrebbe vergognarsi per i continui attacchi ai dipendenti pubblici sia comunali, con accuse generiche di irregolarità nella presentazione delle delibere, sia nei confronti dei tecnici regionali incaricati per verificare il nulla osta sul possibile Ospedale Unico ad Ornavasso, con continue illazioni a possibili interferenze politiche. Accuse, entrambe al limite della querela. Il Partito Democratico ribadisce la piena fiducia nei lavoratori e lavoratrici del Comune e la propria solidarietà. Vorrei concentrare l’attenzione su due parole: concordemente e serietà. La prima, concordemente. Il protocollo ha valore di impegno che può essere dismesso. La parola chiave dell’ art.6 è “concordemente”: l’ interpretazione ragionevole è che il “Contratto” definito dal Protocollo è da considerarsi “aperto” (ed, al momento non definito) per la parte che riguarda il Piano di Valorizzazione ed Alienazione di Asl, ovvero, “concordemente”, a suo tempo dovrà essere definito ed accettato dal Comune. Quindi ci sarà una trattativa tra il Comune e Asl . Il comma 2 dell’ art. 58 della legge 133/2008 è quello “chiave”, ove dice “…la deliberazione del consiglio comunale di approvazione, ovvero di ratifica dell’ atto di deliberazione se trattasi di società o Ente a totale partecipazione pubblica, del piano delle alienazioni…”. Stando alla lettura di questo articolo, ci sarebbe ratifica del consiglio comunale e non approvazione (ASslè statale) ma, ancora a buon senso e noi interpretiamo così, il nodo sarebbe prima, ovvero proprio alla fase di definizione del Piano di alienazione, ove varrebbe il “concordemente”  dell’ art. 6 del Protocollo e, quindi, un tavolo di trattativa… . nulla verrà imposto a Domodossola e al suo futuro consiglio comunale se Domodossola non vorrà. Poi se è come è tradizione della destra anche se il consigliere Pizzi fa di tutto per fare dimenticare che è stato 20 anni con Berlusconi con frasi né di destra né di sinistra, fare, costruire condomini, la responsabilità sarà solo vostra. Noi e la maggioranza stiamo lavorando per mantenere il San Biagio come struttura socio-sanitaria. La serietà. Ci sono politici che sono sempre in campagna elettorale e come diceva De Gasperi: “ un politico guarda alle prossime elezioni….” Questo è il male di questo Paese con personale politica che ha come unica preoccupazione quella di farsi rieleggere. Per fortuna ci sono politici seri come il sindaco Cottini di Santa Maria Maggiore che certo non può essere tacciato di essere del Pd che ha sollevato le stesse questioni riportate nel ordine del giorno del sindaco chiedendo garanzie per il san Biagio ricordando che avrebbe preferito Piedimulera, ma che piuttosto che fare saltare l’Ospedale Unico avrebbe votato a favore e così ha fatto. Bolognini, ancora:” Ecco la mia profezia. Noi perderemo le prossime elezioni come tutti coloro che fanno le riforme (Schorder insegna) ma ricordiamo cosa è oggi la Germania grazie a quelle riforme. Quelli che oggi gridano e sbraitano contro il progetto domani al potere faranno come a Verbania con il teatro ( La Lega raccolse le firme contro e lo spostarono e basta!!! ) e a Parma con l’inceneritore, vinceranno le elezioni usando il tema, ma poi non avranno la forza e il coraggio di stracciare il Protocollo di intesa che è stato votato, come sarebbe nelle loro facoltà. E siamo fortunati: non dovremmo aspettare anni per vedere cosa accadrà, ma solo qualche mese…. Andranno in giro a dire e raccontare che hanno salvato il san Biagio ma i posti di lavoro li salviamo noi con la strada che già tracciamo oggi. Noi non barattiamo il futuro della popolazione del Vco per qualche voto in più o meno. E siete sinceri accettate la sfida #stracciailprotocollo oppure state facendo demagogia.”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.