1

App Store Play Store Huawei Store

Cannot find pieve_sala_medico subfolder inside /var/www/ossola24/images/articles/pieve_sala_medico/ folder.
Admiror Gallery: 5.2.0
Server OS:Apache/2.4.46
Client OS:Unknown
PHP:7.4.16

corta bagno pieve sala aspetto

PIEVE VERGONTE- 03-12-2015- Il gruppo di minoranza “Pieve un paese in comune”

in un comunicato firmato dai consiglieri Marina Ghivarelli e Dante Sala, critica l'amministrazione comunale per alcune scelte d'intervento di manutenzione a discapito di altre: “A più di un anno dalla nostra interrogazione avente ad oggetto “ funzionalità dei locali adibiti a sala d’aspetto medico di famiglia” siamo di nuovo ad interrogare il sindaco per la situazione vergognosa e lo stato di degrado in cui si trovano gli ambulatori delle frazioni di Megolo e Fomarco, in particolare abbiamo segnalato che i locali adibiti a sala d’aspetto sono freddi perché gli ’impianti di riscaldamento non vengono accesi, i bagni sono impresentabili o meglio indecenti;

le pareti presentano intonaci scrostati e necessitano di una verniciatura, agli estintori non viene fatta manutenzione da parecchi anni. Ma anziché provvedere urgentemente alla sistemazione di questi locali ormai insalubri, dove attendono cure i nostri concittadini, questa amministrazione ha preferito mettere a nuovo, solo apparentemente uno stabile comunale. Con delibera di Giunta nr. 86 del 01.07.2015, prevede per un valore di € 115.000 la sistemazione esterna dell’albergo in via Massari 23/C. Questa Amministrazione ha preferito eseguire lavori esterni ad un albergo chiuso (marciapiedi, formazione siepi, pavimentazione strada di servitù) piuttosto che sistemare gli ambulatori (a nostro avviso intervento che doveva essere prioritario assai più importanti di una siepe costata 2.090,10 euro!). Al sindaco chiediamo perché i locali di attesa sono sempre freddi? Questa situazione richiede un intervento immediato per far si che le sale di aspetto siano invece riscaldate e confortevoli per gli utenti che abbisognano di cure. Quali soluzioni intende adottare per far si che i servizi (indecenti e che non si possono definire igienici) diventino agibili anche per gli utenti più disagiati come anziani con problemi di deambulazione e disabili? Se è conscia che tale situazione crea da troppo tempo gravi disagi ad utenti ammalati che dovrebbero essere le prime persone assistite ed i tempi di intervento brevi e certi per provvedere alla indispensabile sistemazione delle strutture”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.