1

App Store Play Store Huawei Store

b una gallo simboli

DOMODOSSOLA- 02-02-2016- Si riunisce venerdì il neo movimento Una

per determinare le strategie future del movimento in vista delle elezioni comunali di Domo:

“Comunichiamo che la nostra riunione di venerdì 5 febbraio 2.015 alle ore 20.30 è stata dirottata al circolo Arci del Badulerio, preferendo evitare confusioni con altre rispettabili ma consuete iniziative concomitanti, pur essendo, naturalmente, disponibili a confronti e anche scontri dialettici con tutti. (Ribadiamo che le nostre riunioni sono sempre aperte).

Una riflessione la stiamo facendo e che porremo all'attenzione della nostra riunione aggiungendola agli altri punti che pure sono molteplici e importanti come la presentazione ufficiale dei due simboli per le prossime elezioni a Domodossola, i candidati consiglieri, il candidato sindaco, le linee programmatiche.

Chi siamo! Questo tema sarà sempre sottolineato nelle nostre iniziative e nelle nostre azioni.

Ci chiediamo perché non siamo riusciti a far percepire, anche agli organi di stampa, l'assoluta novità del movimento Unione Nuova Autonomia Ossola Cusio, Verbano e delle liste che al movimento fanno riferimento e sulla cui formalizzazione rifletteremo subito dopo le amministrative. Riteniamo che sia nostra responsabilità e che questo tema dovrà essere lo sfondo di tutte le nostre iniziative.

Chiariamo innanzi tutto che non siamo l'ennesimo tentativo della costituzione di un movimento in Ossola, tutti importanti e interessanti ma sostanzialmente falliti perché rinchiusi e ripiegati sul proprio territorio come indiani nelle riserve con il risultato di pesanti e inevitabili sconfitte delle quali, ammettiamolo, molti ossolani sono corresponsabili così come altre associazioni di varia natura, in passato con una forte presenza e oggi con la testa e gli interessi altrove. Noi ci collochiamo appieno ne contesto del Vco, del Paese e non solo. Domodossola e l'Ossola devono essere in grado di svolgere un ruolo molto importante che compete loro per storia e specificità.

Altre questione fondamentale è quella di mettere al centro della nostra azione sempre la gente a cui faremo riferimento in un totale ribaltamento rispetto a tutti gli altri che sono visibilmente e plasticamene proni alle gerarchie di partito, movimento o istituzionale come appare evidente agli occhi di chi vuol vedere. Su tale aspetto riteniamo che la presenza preponderante di personalità esterne alla città in questa campagna elettorale da parte di altri protagonisti sottolinei questa subordinazione che non abbiamo e non avremo mai.

Ci impegniamo a costituire commissioni tematiche permanenti e consulte e, su questioni fondamentali, utilizzeremo lo strumento del referendum a Domodossola e non solo.

Altra questione la nostra campagna elettorale che sarà assolutamente sobria e non solo perché non abbiamo fondi che tutti gli altri hanno e che non vorremmo mai avere, ma per scelta convinta per il semplice motivo che sarebbe un ulteriore "schiaffo" rispetto alla situazione di difficoltà di cittadini e imprenditori. Metteremo mano alle nostre tasche. Anche le nostre linee programmatiche, che pure affrontano molti nodi molti importanti e alcuni suggeriti dalla gente, sono subordinate soprattutto al confronto e saranno arricchite con tale metodo democratico. Non è un caso che il titolo del programma è: Domodossola, città capoluogo”.

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.